Alluce valgo: come curarlo

L’alluce valgo è una deformazione ossea che interessa l’alluce e il primo metatarso del piede. La deformazione porta a un cambiamento della struttura del piede; la sporgenza del metatarso crea la tipica borsite “a cipolla” che rende la patologia particolarmente semplice da riconoscere, anche ad occhi non esperti.

L’infiammazione della “cipolla” a via di sfregamenti con le calzature causa un forte dolore e spesso delle difficoltà di appoggio che possono portare, nel tempo, a difetti posturali di forza maggiore a carico sia delle articolazioni sovrastanti che della colonna.

Ma come si cura l’alluce valgo?
In effetti, non esiste una cura vera e propria che non passi dalla chirurgia correttiva. Tuttavia, soprattutto se e quando preso per tempo, l’alluce valgo può tornare al proprio posto fino a remissione completa del problema. Nei casi più gravi, attraverso l’utilizzo di pratici ed economici strumenti come quelli offerti da foot mate, è possibile comunque rallentare il decorso della patologia o addirittura arrestarlo completamente, a patto di essere costanti nell’utilizzo.

Prima di ogni altra cosa bisogna assicurarsi di soffrire realmente di alluce valgo e non, invece, di una semplice infiammazione del metatarso (frequentissima in sportivi e runner). Per fare ciò dovrete rivolgervi ad un ortopedico e ad un podologo, che lavoreranno in sinergia e, attraverso la lettura di referti specifici, riusciranno a diagnosticare non solo la presenza dell’alluce valgo ma anche la sua gravità, così da permettervi di avere in mano un riferimento da sfruttare nel corso degli anni per seguire il decorso della patologia.

Successivamente per curare l’alluce valgo è consigliabile l’utilizzo di plantari correttivi e scarpe adeguate (aboliti i tacchi alti e le scarpe con la pianta troppo stretta!). Esistono poi dispositivi in silicone medico pensati per separare le dita (alluce e primo dito) così da correggere meccanicamente la sporgenza laterale ed evitare lo strofinamento della “cipolla” sulla scarpa, riducendo sensibilmente l’infiammazione e tutte le problematiche ad essa correlate, a partire dal dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *